659 letture

F.A.Q. N° 7 – Antispecismo, capitalismo e consumismo

F.A.Q. n° 7 tratta dal libro “Proposte per un Manifesto antispecista. Teoria, strategia, etica e utopia per una nuova società libera” di Adriano Fragano, NFC Edizioni, 2015. Testo liberamente divulgabile senza modifiche e citando la fonte.


Faq 7 – Come si pone il pensiero antispecista nei confronti della crescita illimitata, del mito della produzione e dei consumi, come pratiche dominanti nelle attuali società umane industrializzate?


La dottrina della crescita illimitata, la visione capitalistica della società moderna, sono in antitesi con l’idea antispecista che sostiene una visione incentrata sull’orizzontalità e sulla decrescita come metodo del raggiungimento di un equilibrio tra l’Umano, le altre specie viventi e il Pianeta. Quella antispecista può quindi essere considerata una filosofia che si oppone al sistema vigente, quindi rivoluzionaria.

 

Continua a leggere

478 letture676 letture

Superate le 8.000 copie

books 1245690 640 - Superate le 8.000 copie

 

Da un controllo delle statistiche relative al periodo aprile 2015 – aprile 2021 riguardanti il numero di copie distribuite del libro “Proposte per un Manifesto antispecista“ (copie cartacee vendute di cui si ha notizia e copie in formato digitale scaricate online sul sito di Manifesto antispecista e sulle piattaforme: Docdroid, Issuu e Scribd) si arriva ad un totale di oltre 8.000 copie.

Continua a leggere

786 letture

Sul linguaggio non specista utilizzato

Il progetto del Manifesto antispecista che porto avanti ormai da molti anni, ha subito nel tempo una serie importante di modifiche che hanno riguardato sia l’impianto teorico, sia le modalità mediante le quali esso viene trasmesso al pubblico.

Sin dal principio i testi elaborati (ciò ovviamente non vale per i testi altrui riportati), hanno sempre seguito una serie di accorgimenti utili a renderli il più possibile inclusivi e rispettosi, sia dal punto di vista degli altri Animali, sia da quello degli Umani, senza al contempo sacrificare l’efficacia della comunicazione.
Anche il testo del libro “Proposte per un Manifesto antispecista” pubblicato nel 2015 ha ovviamente seguito questa impostazione del linguaggio. Ritengo quindi che questo libro sia stato probabilmente il primo pubblicato in Italia a trattare argomenti antispecisti mediante un linguaggio rispettoso delle differenze altrui (e non solo di quelle umane).

Continua a leggere

595 letture

Un po’ di ordine dopo 14 anni

pugnozampa - Un po' di ordine dopo 14 anni

 

Care lettrici e cari lettori di Manifesto antispecista,

Dopo ben quattordici anni di vita virtuale era giunto il momento di mettere un po’ di ordine ai testi, documenti, fotografie e link pubblicati su questo sito web. Quattordici anni per la Rete equivalgono ad una vera e propria era geologica, infatti molti dei siti web, gruppi, associazioni o collettivi citati nei vari articoli pubblicati, si sono estinti da tempo. Pertanto si è reso necessario un lavoro di risistemazione per rendere gli articoli di nuovo pienamente fruibili.
Al contempo molte sezioni del sito sono state cambiate, rimosse o aggiornate.  Per questo motivo di recente il sito di Manifesto antispecista è risultato irraggiungibile.
Qualora fossero ancora presenti refusi, errori di qualsiasi tipo o link non funzionanti, per cortesia segnalatelo via email.

Grazie per la pazienza.

Adriano Fragano

1.137 letture

La scoperta dell’acqua calda: la psicologia dello specismo

Laura Matilde Mannino traduce per Peacelink un testo pubblicato dallo psicologo Lucius Caviola a proposito di una sua recente ricerca, che dimostra come lo specismo sia effettivamente un costrutto psicologico e che ha affinità con altre forme di pregiudizio intraumane.
Di seguito il link al testo tradotto, è possibile infine leggere alcune riflessioni su queste ricerche che si potrebbero tranquillamente definire come “la scoperta dell’acqua calda“.
Continua a leggere