3.230 letture

Vuoi mettere una Balena con un Maiale? Lo specismo di capitan Watson

0106 sea shepard paul watson full jpg full 600 - Vuoi mettere una Balena con un Maiale? Lo specismo di capitan Watson

Su Paul Watson fondatore e leader indiscusso di Sea Shepherd si è scritto e detto molto, un’aura di leggenda aleggia sulle gesta del capitano che coraggiosamente si scaglia contro le baleriere con le sue navi. L’attivismo di Sea Sheperd è fuori di discussione: si tratta di azioni forti, senza compromessi ed efficaci, ma spesso si tende a mitizzare le figure di determinate persone stravolgendo la realtà. Se da un lato Watson si batte per salvare le Balene (e meno male!), dall’altro è ben lontano da essere un attivista antispecista e un liberazionista. Molto spesso però proprio in ambito antispecista si tessono le sue lodi, e lo si cita ad esempio, senza tener conto di alcune sue discutibili esternazioni sui diritti umani, prese di posizione e idee sul veganismo e sugli Animali che nulla hanno a che spartire con l’antispecismo.
Di seguito si riportano stralci di un’intervista a Watson risalente al 2010 pubblicata dal Guardian. Il testo originale integrale lo si può visionare al seguente indirizzo: www.theguardian.com/environment/2010/sep/21/sea-shepherd-paul-watson-whales

La traduzione in italiano di alcuni passi dell’intervista:

Il mio editore mi ha chiesto di chiederle: perché uccidere una balena è peggio che uccidere un maiale, per esempio, dal momento che un maiale è altrettanto intelligente?

Paul Watson. Mi è stata fatta molte volte questa domanda da parte dei giapponesi, e la trovo offensiva. Come può una persona mettere a confronto l’uccisione di un maiale con l’uccisione di una balena? Prima di tutto, le nostre navi sono vegane. Il 40% dei pesci pescati vengono utilizzati come cibo per il bestiame – maiali e polli stanno diventando i maggiori predatori acquatici. L’industria di bestiame è una delle maggiori cause di emissione di gas serra. Il cibarsi di animali è un disastro ambientale.

Lei è vegetariano o vegano?

Paul Watson. Sì, sono vegano, ma non pruomoviamo il veganismo per i diritti degli animali ma per proteggere l’ambiente.

Non si può confrontare l’uccisione degli animali in un macello casalingo con l’uccisione di una balena. Ciò che succede a quelle balene – o delfini, ad esempio, a Taji – non sarebbe mai tollerato in un macello. Quei mattatoi verrebbero chiusi. Ci vogliono dai dieci ai quarantacinque minuti per uccidere una balena e morirebbe in un’orribile agonia. Questo sarebbe inaccettabile ed illegale in un qualunque mattatoio nel mondo.

Inoltre loro sono specie protette ed in via di estinzione – i maiali e le mucche non lo sono. Sono parte dell’ecosistema, mentre le mucche e i maiali no. Mi da sempre fastidio quando viene fatto questo confronto. Specialmente quando viene fatto dai giapponesi, che mangiano più maiali, mucche e polli di tutta l’Australia e la Nuova Zelanda messe insieme. Solo l’1% dei giapponesi mangia le balene; la maggior parte mangia mucche, maiali e polli. È una ridicola analogia.

----------------------

Indirizzo breve di questa pagina: http://www.manifestoantispecista.org/web/biLjL

2 Commenti

  1. La questione non è che si possa criticare Watson o meno perché è amico di Brigitte Bardot, ma il fatto che la sua visione è molto lontana da quella antispecista, e per molti versi anche inaccettabile dal punto di vista animalista (l’esempio della Balena e del Maiale è illuminante). Pertanto si è solo voluto segnalare questo aspetto dell’attivismo di Watson, senza sminuire la portata delle sue azioni, ma solo circoscrivendole per non confondere il suo protezionismo con l’antispecismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *