E siamo a più di 5000 copie!

Le statistiche parlano chiaro e dicono che dall’aprile 2015 a oggi (21 settembre 2017) il libro  “Proposte per un Manifesto antispecista“ continua a destare interesse.
Infatti sommando le copie cartacee distribuite (1.000) e di quelle digitali in formato pdf gratuito scaricate (più di 4.000), arriviamo a superare la cifra totale di circa 5.000.

Grazie di cuore alle lettrici e ai lettori per l’interesse.

Adriano Fragano

Nella foto: Camilla che medita su alcuni concetti antispecisti.

Download gratuito del testo integrale del libro: www.manifestoantispecista.org/doc/proposte-per-un-manifesto-antispecista-adriano-fragano-nfc.pdf

Video: l’antispecismo è una forma di crescita interiore?

Un altro video pubblicato da Sceltaetica.it estratto del video della conferenza di presentazione del libro tenuta in occasione del Vegan Days 2016 di Padova.

L’antispecismo è una forma di crescita interiore?

Risponde Adriano Fragano, autore del volume “Proposte per un manifesto antispecista”, in occasione dei Vegan Days di Padova.

Confronto antispecista al Germinal di Trieste

Libertà per tutti? La proposta antispecista“.
Questo è il titolo dell’incontro che si terrà giovedì 6 aprile alle ore 20,30 presso la sede del Gruppo Anarchico Germinal in via del Bosco, 52/a a Trieste. Di seguito il testo di presentazione della serata e il volantino. Ci vediamo a Trieste.

Se si pensa al concetto di libertà non se ne dovrebbero vedere i confini, perché nel momento in cui essi vengono concepiti, la stessa libertà si trasforma in libertà condizionata. Una libertà valida per alcuni a discapito di altri, può essere sempre e solo la libertà dei padroni. Con tali presupposti l’antispecismo avanza una forte e strutturata proposta per ampliare l’orizzonte morale umano, abbattendo finalmente l’artificiosa barriera di specie costruita dalla società umana al solo scopo di controllare, schiavizzare e sfruttare chi non ne fa parte. Per essere liberi bisogna liberare. Ne parliamo con Adriano Fragano autore di “Proposte per un manifesto antispecista” e animatore di Veganzetta.

Gruppo Anarchico Germinal
germinalts.noblogs.org

Pagina evento: https://www.facebook.com/events/260999501027515/

Download locandina dell’evento

Serata antispecista a Catania

L’associazione Liberaction organizza una serata antispecista con cena vegane e presentazione del libro “Proposte per un Manifesto antispecista” a Catania.
L’incontro si terrà sabato 25 marzo 2017 presso il circolo culturale Gammazita in piazza Federico di Svevia, 92.
Alle ore 20,00 cena vegan (tre pietanze a 6 euro, gradita prenotazione), alle ore 21,00 presentazione del libro e confronto pubblico con l’autore.
Durante la serata sarà possibile anche acquistare il libro.

Grazie di cuore all’associazione Liberaction e in particolare a Chiara Sgrò. Vi attendiamo numerose/i.

Per informazioni:
Pagina social dell’evento: www.facebook.com/events/376189186096870
Pagina dell’associazione LIberaction: www.facebook.com/pg/LIBERACTION
Email per prenotazioni: chiara.sgro@hotmail.it

Download locandina dell’evento

Un po’ di antispecismo a Pantelleria

Antonella Amato (che ringrazio pubblicamente di cuore) vive nella bella isola di Pantelleria e mi invia questa foto che la ritrae con una copia di “Proposte per un Manifesto antispecista“.
E’ stupefacente constatare come questo piccolo libro sia capace di portare in ogni dove idee che parlano di antispecismo e di liberazione animale.

Sono anarchico, dunque antispecista

Su Umanità Nova si parla di anarchismo e antispecismo.

Fonte: www.umanitanova.org/2017/01/29/sono-anarchico-dunque-antispecista

Ho già avuto modo di parlare del rapporto tra anarchismo e antispecismo (vedi “Anarchismo e antispecismo: un nesso inscindibile” in A-Rivista Anarchica, anno 45 n. 403, dicembre 2015 gennaio 2016), e con quest’altro intervento vorrei cercare di approfondire maggiormente la questione. Innanzitutto va detto che non si vuole in alcun modo andare a riprendere le teorie e gli scritti dei pensatori anarchici che, per quanto importanti e fondamentali essi siano, non sono in questo ambito di irrinunciabile menzione. Voglio dire che la questione antispecista non deve andare a cercare legittimazione attraverso ciò che i filosofi libertari hanno scritto e diffuso ma, a prescindere dalle loro teorie, la corrente antispecista deve rappresentare una nuova visione della società libertaria per cui si lotta, e una nuova pratica del quotidiano.
In ciò che ho già avuto modo di scrivere, affermo che seppur non voglio ricoprire il ruolo di giudice che sentenzia chi è l’anarchico e l’anarchica, personalmente ritengo che, secondo il mio modo di intendere la teoria libertaria, l’antispecismo ne è una componente non solo importante, ma necessaria e imprescindibile. Ed è proprio da qui che vorrei ripartire. Anarchismo e antispecismo, ad oggi, rappresentano due teorie diverse, seppur con basi sottostanti comuni e a volte indistinguibili. Ciò che differenzia la prima teoria dalla seconda è il fine ultimo: se l’anarchismo classico si limita a prevedere la libertà, intendendo questa parola nell’accezione più estensiva possibile, e quindi la libertà dal dominio e dalle gerarchie (politico-sociali-economiche), solo in riferimento all’emancipazione umana, l’antispecismo intende estendere quella stessa libertà anche nei confronti di tutte le altre specie animali di qualsiasi appartenenza, liberando dunque i rapporti sociali, intra e interspecifici, dalle maglie del nesso disposizione-subordinazione.
Continua a leggere

Cinque tesi (sbagliate) contro l’antispecismo


Matteo Meschiari è l’autore di un articolo pubblicato sul blog Pleistocity dal titolo “Cinque tesi contro l’antispecismo“, leggendolo non ho potuto fare a meno di notare una serie d’imprecisioni e di errori concettuali, che vorrei evidenziare.
L’articolo oltre a trattare di antispecismo – materia per me della massima importanza – riporta come immagine di apertura una nota pubblicità antispecista di Campagne per gli animali dal titolo “CHI mangi oggi?” della quale sono co-ideatore. A maggior ragione, quindi, mi sono sentito di intervenire.
Quanto esporrò è chiaramente una posizione personale e non vuole essere un attacco o una critica all’autore, ma ha l’unico fine di fornire il punto di vista di chi non si ritrova nella descrizione generale che Meschiari fa dell’ambiente antispecista e che – pur riconoscendo che sono in atto pericolose derive – ritiene che l’enorme confusione creata sull’argomento, provenga dal fatto che non si è voluto a oggi fare chiarezza sui principi che contraddistinguono la filosofia antispecista. Per tale motivo molti gruppi e singoli si proclamano antispecisti senza sapere cosa nella realtà significhi, agendo di conseguenza secondo modalità non ascrivibili all’approccio antispecista.
Continua a leggere