Definizione di antispecismo

Cogliendo l’occasione della bella foto inviata da Mauro Scalco (grazie di cuore!) che ritrae Victor mentre è alle prese con il testo di “Proposte per un Manifesto antispecista“, fornisco di seguito la definizione di antispecismo pubblicata nel libro alle pagine 13 e 14:

L’antispecismo è il movimento filosofico, politico e culturale che lotta contro lo specismo, l’antropocentrismo e l’ideologia del dominio veicolata dalla società umana. Come l’antirazzismo rifiuta la discriminazione arbitraria basata sulla presunzione dell’esistenza di razze umane e l’antisessismo respinge la discriminazione basata sul sesso, così l’antispecismo respinge la discriminazione basata sulla specie (definita specismo) e sostiene che l’appartenenza biologica alla specie umana non giustifica moralmente o eticamente il diritto di disporre della vita, della libertà e del corpo di un essere senziente di un’altra specie. Gli antispecisti lottano affinché le esigenze primarie degli Animali siano considerate fondamentali tanto quanto quelle degli Umani, cercando di destrutturare e ricostruire la società umana in base a criteri sensiocentrici ed ecocentrici, che non causino sofferenze evitabili alle specie viventi e al Pianeta. L’approccio antispecista ritiene (considerando tutte le dovute differenze e peculiarità) che: Continua a leggere

Proposte per un Manifesto antispecista sul notiziario di Movimento Antispecista

Riporto – con ritardo di cui mi scuso – quanto si scrive alle pagine 80 e 81 del Notiziario n° 2/2016 del Movimento Antispecista.  A seguire una mia risposta.

Notiziario n° 2/2016 del Movimento Antispecista
Recensioni e interviste

A. Fragano – Proposte per un Manifesto Antispecista – Ediz. NFC, 2015.

“Un futuro antispecista non è sinonimo di “ritorno alle origini” o di primitivismo, ma di uso responsabile e coerente delle conoscenze umane, della scienza e della tecnologia utilizzate per convivere e non per sfruttare, per la costruzione di una società orientata alla maggior integrazione e coesistenza pacifica possibile tra i viventi”. Con queste parole termina la proposta di Adriano Fragano di “delineare l’identità antispecista, al fine di permettere migliori e più precise modalità di intervento nei rapporti umani intraspecifici e interspecifici”. Nella prima parte del testo (v. www.manifestoantispecista.org), la definizione di antispecismo quale movimento filosofico, politico e culturale che respinge la discriminazione basata sulla specie, auspicando una trasformazione profonda dei rapporti tra umani e non umani, conferma quanto nel “Manifesto per un’etica interspecifica” (v. www.movimentoantispecista.org >Manifesto) viene proposto al primo capoverso. Ossia che umani e non mani hanno gli steso diritti, in quanto esseri senzienti, alla vita, alla libertà, al rispetto, e al benessere. Con la sola differenza che in quest’ultimo è aggiunta la frase “nell’ambito delle esigenze della specie di appartenenza”.

Continua a leggere

E siamo a più di 3000 copie!

Non è stato un lavoro semplice quello svolto dall’aprile del 2015 ad oggi per pubblicizzare e distribuire il libro “Proposte per un Manifesto antispecista“, ma le cifre raggiunte a distanza di un anno e otto mesi dalla pubblicazione, ripagano ampiamente di tutti gli sforzi compiuti.
Infatti tenendo conto delle copie cartacee (circa 800) e di quelle digitali (in formato pdf gratuito) scaricate (poco più di 2.360), arriviamo alla cifra totale di circa 3160.
Insomma questo piccolo libro ha fatto – e continua  a fare – molta strada, la speranza è che il successo riscosso possa essere effettivamente utile per la causa antispecista.
Con il nuovo anno ritengo sia giunto il momento di mettere in cantiere altri progetti, anche se l’elaborazione (ci saranno novità!) del testo del libro continuerà come sempre anche grazie al vostro aiuto, se lo vorrete.

Grazie alle lettrici e ai lettori per l’interesse.

Adriano Fragano

Nella foto: Camilla che medita su alcuni concetti antispecisti.

Download gratuito del testo integrale del libro: www.manifestoantispecista.org/doc/proposte-per-un-manifesto-antispecista-adriano-fragano-nfc.pdf

“Proposte per un Manifesto antispecista” in una tesina universitaria

ora-del-latte-latte-rosso-sangue

Proposte per un Manifesto antispecista” citato e inserito nella bibliografia di una tesina presentata da una studentessa a conclusione del corso di Marketing e Social Media della Facoltà di Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l’Università di Ferrara. Grazie!

Di seguito la notizia originale di Campagne per gli animali

Daria Gamboni è una studentessa universitaria iscritta alla Facoltà di Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l’Università di Ferrara:
Tempo fa scrisse a Campagne per gli animali per avere una serie di informazioni sulla pubblicità antispecista “Latte rosso sangue“. L’idea di Daria era quella di comparare tale pubblicità con quella realizzata – con grande profusione di mezzi e coinvolgendo volti noti al grande pubblico – dal Ministero delle Politiche Agricole e intitolata “Ora del latte“: una pubblicità creata per incentivare il consumo di latte vaccino e quindi a sostegno dello sfruttamento sistematico e l’uccisione degli Animali considerati “da reddito” che viene normalmente chiamato zootecnia.
Dovendo sostenere l’esame di Marketing e Social Media, Daria pensò di comparare le due pubblicità mediante il metodo retorico per analizzarne pregi e difetti. Il risultato è stato una tesina dal titolo “ORA DEL LATTE” vs “LATTE ROSSO SANGUE”, che ha fruttato alla studentessa il massimo dei voti (30 con lode) e i complimenti del docente del corso (ai quali aggiungiamo i nostri).

Continua a leggere

Presentazione al Vegan Days 2016: il video

manifesto-in-erba9

Grazie al lavoro di Scelta Etica è possibile visionare il video integrale della presentazione di “Proposte per un Manifesto antispecista” avvenuta a Padova il 30 ottobre  in occasione del Vegan Days 2016.
Questa è la pagina che Scelta Etica ha dedicato all’evento. Buona visione.

Resoconto di una serata antispecista a Savona

savona-1

Il 15 ottobre a Savona abbiamo parlato di antispecismo in occasione della presentazione del libro “Proposte per un Manifesto antispecista“. Un pubblico interessato e partecipe ha formulato numerose domande (le più disparate) e dato suggerimenti su questioni che riguardano la liberazione animale e in generale sul rapporto Umano-Animale. Il tutto grazie alla disponibilità della libreria UBIK di Savona – che ringrazio sentitamente non solo per l’ospitalità, ma anche per aver esposto numerose copie del libro – e all’organizzazione dei Veganierranti che hanno curato la serata, e anche la gustosissima cena vegana che è seguita alla presentazione.
Conoscere e constatare l’entusiasmo di Anna, Michele (cuochi provetti e colonne portanti dei Veganierranti) e di Elia – loro fido collaboratore con l’inseparabile pitbullina Shiva al seguito -, fa bene al cuore e soprattutto fa ben sperare per il futuro, perché il loro è un entusiasmo contagioso riscontrabile anche nella altre persone umane presenti all’evento.
Anna oltre ad aver provveduto alla presentazione della serata, mi ha anche illustrato alcuni progetti – vecchi e nuovi – dei Veganierranti: uno fra tutti quello della “valigetta dello sfruttamento“. Una vecchia valigia trasformata in un vero e proprio kit per illustrare il dominio, con una prigione per pupazzi raffiguranti Animali e Umani tutti legati da uno stesso destino: quello di essere sfruttati per denaro, per divertimento, per cultura e di fare una gran brutta fine. La valigetta è servita varie volte per far riflettere soprattutto bambine e bambini.
Grazie di cuore quindi ai Veganierranti: è stato un piacere passare del tempo con loro.
Concludo salutando anche una cara amica che mi ha fatto un regalo volendo presenziare alla serata, Antonella de Paola: autrice della famosa “Guida ai prodotti non testati su animali“, nonché instancabile attivista animalista.