Il Cannocchiale di Galileo

cannocchiale-galilei

Con piacere si segnala la pubblicazione online de “Il Cannocchiale di Galileo“, un interessante pamphlet di uno storico collaboratore di Veganzetta: Aldo Sottofattori.

Di seguito il link al documento in formato .pdf liberamente scaricabile e la presentazione a opera dell’autore che è direttamente contattabile all’indirizzo email: at44142©libero.it

Buona lettura

www.criticadelleteologieeconomiche.net/il%20cannocchiale%20di%20galileo.pdf

Presentazione

Il pamphlet costituisce la risposta al seguente enigma: per quale motivo ogni sforzo di soluzione dei problemi che attanagliano l’umanità è oggi destinato a completo fallimento? Considerando che la Terra sta diventando la casa sempre più stretta di una popolazione in crescita, la somma dei grandi problemi non risolti prefigura, entro tempi brevissimi, la più grande catastrofe della Storia e la rovina, prima ancora che dei nostri lontani discendenti, dei nostri figli e nipoti. Paradossalmente ciò accade quando l’umanità si trova a disporre di mezzi e possibilità mai possedute nel passato.

Il problema si presenta insolubile all’interno della logica che la specie umana ha posto alla base della sua evoluzione sociale e culturale: la centralità di se stessa rispetto a una natura concepita come banale insieme di quinte teatrali. Tale “centralità” ha indotto la nostra specie a immaginare di potersi elevare sopra della natura in un processo di manipolazione senza fine della materia inerte e degli altri esseri viventi. L’antropocentrismo, perché di questo si tratta, è una visione così radicata nella specie che tutti i modelli di intervento della “triste scienza”, da quelli dominanti a quelli alternativi, ne sono stati condizionati rimanendo prigionieri entro una specie di castello incantato privo di finestre verso l’esterno. Per indicare questo comune limite di visioni pur tra loro contrastanti, ho assegnato al lavoro il sottotitolo “Critica delle teologie economiche”.

La blindatura dell’umanità dentro il “castello incantato” è così inalterabile che a tutt’oggi sembra disperata la possibilità di fuoriuscirne, soprattutto prima che i processi diventino irreversibili e travolgenti. “Il Cannocchiale di Galileo”, che assume il titolo-allegoria dello strumento per “osservare” la realtà del nostro tempo (quella realtà che le élite conservatrici si rifiutano di accettare), si pone l’obiettivo di denudare una realtà a tutt’oggi oscurata da una cultura che, per rimanere in tema, potremmo chiamare “tolemaica”. Il testo è nato nel seno dell’unico ambiente che poteva generarlo: la critica dello specismo, cioè quell’ambito che, nel lungo percorso della civilizzazione, è riuscito, recentemente e per la prima volta, a porsi sistematicamente fuori dalla solitudine umana scoprendo nell’alterità delle forme di vita, prima un’etica allargata a tutto il vivente, poi la chiave per la sopravvivenza della nostra specie.

Il “Cannocchiale” non fornisce soluzioni. Indica solo alcuni faticosi passaggi che dovranno necessariamente e velocemente entrare nell’agenda di un potere diffuso e rinnovato se si vorrà dare un senso reale alla parola “umanità”. Nel passato ogni atto umano rilevante poteva scegliere tra soluzioni alternative. Oggi la lettura di fatti incontestabili traccia la via che non ammette deviazioni. L’alternativa è il baratro.

L’antispecismo in discussione (2003-2013)

freedom

Una serie di interventi pubblicati nell’arco di un decennio sull’antispecismo raccolti e proposti da Asinus Novus. L’elenco non è del tutto condivisibile (vi sono documenti che hanno ben poco di interessante, e l’elenco si dovrebbe ampliare anche ad altre autrici e altri autori), in ogni caso si tratta di una raccolta utile.

Fonte: http://asinusnovus.net/extra/rassegna-antispecismo/

Cos’è oggi l’antispecismo? Dieci anni di interventi, dibattiti, polemiche

 

Veganzetta al Veganch’io 2014

v-estate

Sabato 30 agosto ore 15.30 – 17.30  a Vimercate (Milano) nell’area feste di Via degli Atleti, 1 in occasione del festival VEGANch’io 2014:

workshop 2: “Strategie e tattiche del movimento antispecista” con Aldo Sottofattori, Adriano Fragano (Veganzetta) e Benedetta Piazzesi.

Durante e dopo il workshop saranno distribuite le copie cartacee di Veganzetta e del libretto “Proposte per un Manifesto antispecista.

info: www.veganchio.org