1.118 letture

Liberati centinaia di Beagle dall’Istituto Royal (Brasile)

beagle brasile - Liberati centinaia di Beagle dall'Istituto Royal (Brasile)

Fonte Animal Equality Italia

Sulla pagina Facebook dell’associazione si scrive.

Un gruppo di attivisti del Fronte Antivivisezionista in Brasile, durante una protesta di fronte all’Istituto Royal, è riuscito ad entrare nella struttura e a liberare centinaia di cani beagle, ratti e conigli, tutti vittime della sperimentazione.

Immagini come quelle che vi mostriamo, firmate dal fotografo Avener Prado/Folhapress, sono la testimonianza che ognuno di noi può fare la differenza per gli animali. Ognuno di noi può restituire loro la libertà.

www.facebook.com/media/set/?set=a.634306603275723.1073741851.113071918732530&type=1

La fonte delle notizie (in portoghese): http://g1.globo.com/sao-paulo/sorocaba-jundiai/noticia/2013/10/ativistas-invadem-e-levam-caes-de-laboratorio-suspeito-de-maus-tratos.html

AGGIORNAMENTI: E’ di poco fa la notizia che la polizia ha caricato con inaudita violenza i 2000 manifestanti presenti di fronte all’Instituto Royal in Brasile. Sono stati usati proiettili di gomma e lacrimogeni. Molti i feriti. Persino una attivista incinta è stata pestata dalla polizia intervenuta in tenuta antisommossa. Molte persone sono state arrestate. Due sono ancora in stato di fermo.
Chi era presente parla di “clima da guerra”.
Questo l’indirizzo della notizia (in portoghese): http://g1.globo.com/sao-paulo/sorocaba-jundiai/noticia/2013/10/policia-de-sao-roque-recupera-dois-beagles-retirados-do-instituto-royal.html

Questo l’indirizzo di un sito web che segue la vicenda con numerosi aggiornamenti anche in italiano: http://www.camaleao.org/it/protesto-instituto-royal-acompanhe-minuto/

auto in fiamme brasile - Liberati centinaia di Beagle dall'Istituto Royal (Brasile)

polizia brasile - Liberati centinaia di Beagle dall'Istituto Royal (Brasile)

----------------------

Indirizzo breve di questa pagina: http://www.manifestoantispecista.org/web/5FcKe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *